Favij lo YouTuber più famoso d’talia

Favij youtuber

Favij

Favij è lo YouTuber più conosciuto in Italia, nel 2014 si aggiudica il Google Golden Button, premio riconosciuto a chi supera il milione di iscritti sul proprio canale YouTube.

Il padre Sergio racconta in un intervista al Sole 24 ore, la scalata al successo del figlio Lorenzo Ostuni (1995) al secolo Favij. «Lorenzo è figlio unico – racconta -, fin da piccolo ha sempre amato i videogame. A cinque anni già aveva confidenza con il computer. A 16 anni abbiamo iniziato a sentire strani rumori e voci provenire dalla sua cameretta e abbiamo scoperto YouTube». Favij postava video sul suo canale YouTube mentre si riprendeva con una web cam durate le partite ai video giochi, commentandoli e insegnando piccoli trucchi di gioco. In breve tempo gli iscritti al canale You Tube aumentarono in modo vertiginoso, fino a superare il milione. Lo sdoganamento di Favij al grande pubblico arriva nel  marzo 2015 quando inizia le riprese del film Game Therapy e la Panini edita una collezione di figurine dedicate a lui, ad aprile 2015 esce il suo libro “Sotto le cuffie”. «Noi di questo successo ci siamo resi conto gradualmente – racconta il padre -, ma non mi stupisce che abbia tanti fan: è il ragazzo della porta accanto, i giovani si identificano in lui, è un amico, il compagno di liceo che ti da le dritte su come superare un livello ad un video gioco». Il successo non gli ha dato alla testa, guadagna bene, riceve costantemente proposte di lavoro e l’immagine è curata da una agenzia.

Sergio conclude : Chi vuole fare lo youtuber pensando di fare un lavoro sbaglia approccio, l’esperienza di mio figlio lo dimostra:su YouTube funzione chi è autentico,genuino,chi vive questo mondo per quello che è un gioco.

 

La rete è piena di gente che imula i vari idoli come Favij, Greta Menchi, Chiara Ferragni, e naturalmente i vari re dei social come Gianluca Vacchi e Tommaso Zorzi.

 

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Tumblr

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *